Siamo drogati, ma non lo sappiamo?

0
1451
malati di facebook

Oggi, leggendo il Sole24Ore, ho appreso che dei miei circa 600 contatti su FaceBook quasi 150 sono malati, e magari non lo sanno.

No, non penso all’H1N1, ma mi riferisco alle dichiarazioni di Federico Tonioni, il coordinatore dell’Ambulatorio del Policlinico Gemelli dedicato all’Internet Addiction Disorder che ha avviato oggi la sua attività. E per inaugurarla, secondo il consueto costume italico, si fa pubblicità con un articolo nell’usuale stile terroristico adottato dalla peggior stampa italiana quando si parla di Internet.  Nel virgolettato dell’articolo Tonioni afferma:

Almeno due iscritti a Facebok su 10 ne sono dipendenti mentre, secondo i dati di uno studio dell’università di Perugia, su 10 persone quattro possono sviluppare abusi o dipendenza da internet, la maggior parte delle volte inconsapevolmente. Si potrebbe dire che questo tipo di patologie di dipendenza da internet si stia diffondendo a livello epidemico

E quindi, se la matematica non è un’opinione, ho 150 amici malati (anzi, almeno 150 amici malati). Tanto per esprimere meglio il dato: di oltre dieci milioni di utenti FaceBook in Italia, ben due milioni sarebbero i malati. Altro che H1N1!

Il vero problema è che l’IAD è una cosa seria, della quale si parla da quasi 15 anni e sulla quale sono stati scritti articoli scientifici di tutto rispetto. Ma tra parlarne seriamente nell’ottica della divulgazione scientifica e scegliere la facile soluzione dello scoop giornalistico, pare proprio che lo psichiatra abbia adottato la strada più semplice. E lo fa nel modo peggiore: parlando di epidemie, di piaghe sociali, di ossessioni. Insomma, di tutto il catalogo da mettere in gioco quando si vuole (s)parlare di  Internet per avere la certezza di essere ascoltati (tanto che spunta fuori, come al solito, anche la pornografia ed il gioco d’azzardo).

Ora, le considerazioni da fare sarebbero diverse, ma mi limito a ad alcune osservazioni a caldo:

  • Ancora una volta, si è scelto di parlare di internet in modo allarmistico, non rendendo un buon servizio al lettore, e men che meno allo sviluppo della rete;
  • La scelta di un approccio allarmistico su un tema delicato come quello della dipendenza da Internet è doppiamente controproducente, perchè da una parte terrorizza chi non sa, dall’altra genera l’indignazione di chi sa;

Infine, un’ultima considerazione: ho l’impressione che a volte chi dovrebbe occuparsi di un fenomeno ne parli senza conoscerlo realmente. Come si fa a dire che un utente su cinque è malato? O che due su cinque possono esserlo? Quali sono i parametri? Quali le metriche? Non sarà che la società cambia, e chi dovrebbe leggerla, interpretarne il cambiamento, comprenderne le dinamiche non se ne accorge e classifica una parte di questo cambiamento come una malattia?

Via Il Blog di Stefano Epifani.